lunedì 21 agosto 2017

Ida Rentoul Outhwaite



Ida Rentoul Outhwaite (1888-1960) è una nota illustratrice di libri per bambini, nata e cresciuta in Australia. Il suo tema preferito è il mondo degli elfi e delle fate.




Ida era nata nel 1888 a Carlton , Victoria, ultima dei quattro figli del Reverendo Dr. J.L. Rountel, un ministro di culto presbiteriano di origine irlandese , e di sua moglie Annie Isobel.
Dopo aver compiuto gli studi presso il Presbyterian Ladies' College a Melbourne, Ida sposò nel 1909 Arthur Grenbry Outhwaite.
In seguito Ida firmò i suoi lavori, eseguiti prevalentemente con penna, inchiostro e acquarelli, con il cognome del marito abbinato al proprio da nubile.
 
 
Le prime illustrazioni furono pubblicate dalla rivista New Idea nel 1904, quando Ida avevo solo 15 anni, e corredavano una storia scritta dalla sorella più grande, Anne. Pare comunque che entrambe le sorelle avessero già manifestato le loro straordinarie e precoci doti artistiche collaborando al giornale della scuola. La loro continuò ad essere per molti anni un'accoppiata vincente.
 
Dopo il matrimonio, Ida collaborò anche con il marito , in particolare con The Enchanted Forest (1921), The Little Fairy Sister (1923) e Fairyland (1926). In molti casi erano propri i suoi bambini, Robert, Ann, Wendy e William a fare da modelli per le sue illustrazioni.
 
I suoi lavori furono esposti in numerose mostre non solo in Australia, ma anche a Londra e a Parigi tra il 1907 e il 1933. In effetti molti critici la considerano la più geniale illustratrice d'Australia.
 
La sua produzione è così copiosa e , a mio parere, così raffinata  che è stato difficile per me limitare il numero delle illustrazioni che seguono :
 
 
 

 
 

 

 
 
 
 










 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Mi piace il suo tocco lieve, elegante, preciso, che pur essendo ricco di dettagli, mantiene la trasparenza e la poesia dell'immaginario.